DEPILAZIONE DEFINITIVA LASER O CON LUCE PULSATA

depilazione definitiva con laserClinica Cittàgiardino dispone dei più innovativi dispositivi per la depilazione progressivamente definitiva. La luce pulsata Prowave 770nm e il  laser Neodimio-Yag 1064nm ad impulso lungo vengono utilizzati con successo per la depilazione definitiva grazie alla loro selettività di azione. L’energia luminosa di questi dispositivi viene selettivamente assorbita dalla melanina contenuta nel bulbo pilifero dove, trasformata in energia termica, provoca l’esplosione del bulbo pilifero e quindi la sua distruzione. Proprio per la caratteristica di selettività di questi strumenti, il trattamento risulta tanto più efficace quanto maggiore è la differenza di colore tra pelo e cute circostante: risulta conseguentemente poco efficace il trattamento di peli chiari (biondi).

Il laser a luce pulsata Prowave 770 permette di adattare il trattamento ai diversi tipi di carnagione modificando  i parametri dell’energia trasmessa,  anche se i migliori candidati sono i soggetti con carnagione chiara.
Il Laser Nd-Yag 1064 ad impulso lungo rappresenta l’apparecchiatura di scelta più sicura ed efficace per i soggetti di carnagione più scura.

Il trattamento di depilazione definitiva con laser o luce pulsata è controindicato in soggetti di colore o di carnagione molto scura e in pazienti abbronzati.

Per tali soggetti può essere utilizzata con successo la depilazione con Terapia Fotodinamica. Il trattamento di depilazione definitiva con Terapia Fotodinamica è infatti indicato per tutte le tipologie di peli (anche biondi, rossi o grigi) e per tutti i tipi di carnagioni (anche pazienti di colore o con carnagione molto scura).

ESECUZIONE (depilazione definitiva)

  • Anestesia: nessuna
  • Durata: in funzione dell’estensione della zona da trattare
  • Procedura: La sensibilità del pelo al danno selettivo prodotto dalla luce pulsata o dal laser è maggiore durante la fase di crescita (anagen). Pertanto, poichè i peli in una data regione  (volto, ascella, dorso e arti inferiori) si trovano  nel corso della seduta anche in altre  fasi del loro ciclo vitale (regressione o catagen, riposo o telogen), si stima che ogni trattamento possa eliminare mediamente il 20% dei peli della zona trattata. Le sedute andranno ripetute ad intervalli di 4-8 settimane.
    • I peli delle aree da trattare debbono sporgere 2-3 mm dalla superficie cutanea: la rasatura, il taglio con forbici o l’utilizzo di creme depilatorie permettono una corretta preparazione.
    • I peli delle aree da trattare non devono essere strappati nelle 6-8 settimane precedenti la seduta.

POSSIBILI COMPLICAZIONI (depilazione definitiva)

  • Eritema (colorito rosa acceso della pelle): possibile conseguenza nel trattamento di zone estese; regredisce spontaneamente nel corso di alcune settimane. Può persistere più a lungo a causa dell’esposizione a temperature eccessivamente calde o fredde.
  • Discromie: minuscole iperpigmentazioni e/o ipopigmentazioni: l’utilizzo di creme a filtro solare rende minimo il rischio di tale evenienza.
  • Formazione di minuscole bollicine: la guarigione è spontanea nel corso di 3-5 giorni.
  • Crescita paradossa di peli nelle zone limitrofe: evenienza rara, descritta in pochi casi in letteratura; consiste nella crescita di sottili peli scuri nelle aree cutanee adiacenti a quelle sottoposte al trattamento.
Condividi