MANI E MEDICINA ESTETICA

Le mani rappresentano un mezzo fondamentale con cui ci rapportiamo agli altri. Le utilizziamo nel nostro lavoro e nei lavori domestici, nello sport, nelle ore libere. Nell’arco della giornata le mani sono soggette a numerosi stress, ma dobbiamo averne cura perchèr appresentano un vero e proprio biglietto da visita. Ci servono infatti anche per presentarci agli altri, per salutarli e accoglierli!

Come per il volto, l’esposizione al sole determina assottigliamento e disidratazione della cute e la comparsa di dispigmentazioni, quali macchie solari, efelidi, lentigo, nonché lesioni cutanee come angiomi, fibromi e talora carcinomi.

L’azione solare si somma all’invecchiamento nel promuovere la riduzione dell’elasticità e l’assottigliamento della cute delle mani rendendo più evidenti vene, tendini e ossa.

Altri fattori di stress  sono rappresentati dai piccoli traumi, anche lavorativi, e dagli aggressivi chimici quali saponi, detersivi e smog.

Nella mia esperienza professionale, questi sono i trattamenti più indicati per la salute delle mani:

  • BIORIVITALIZZAZIONE: iniezioni superficiali, eseguite con aghi sottilissimi, di gel a base di acido ialuronico, vitamine ed aminoacidi.È indicata per risolvere la disidratazione e la perdita di tono cutaneo. Il protocollo prevede un ciclo di 3 sedute a cadenza mensile.
  • FILLER DI ACIDO JALURONICO: iniezioni intradermiche o sottocutanee di gel di acido jaluronico, più denso di quello utilizzato a scopo biorivitalizzante. Aumentano lo spessore del tegumento e sono dunque indicate, in alternativa al lipofilling (“autolipotrapianto”)  per rendere meno visibili vene, tendini, ossa.
  • CARBOSSITERAPIA: somministrazione sottocutanea di anidride carbonica medicale mediante aghi sottilissimi. È un trattamento rapido e che comporta una profonda biostimolazione nel lungo termine. Indicato come biorivitalizzante nelle cuti sottili e disidratate, specie nel caso di pelle fragile. Il protocollo prevede 8-10 sedute successive distanziate di 7 giorni l’una dall’altra.
  • PEELING TCA 50%: Il peeling prevede un ringiovanimento cutaneo senza la necessità di utilizzare aghi. Viene applicato a livello topico un gel composto da Acido Tricloroacetico e altri acidi e molecole rivitalizzanti e idratanti. Indicato in particolare per correggere le macchie solari o senili. Il protocollo prevede 4 sedute distanziate di 7-14 giorni l’una dall’altra.
  • RADIOFREQUENZA ABLATIVA: Per ablazione di intende la vaporizzazione di uno specifico tessuto o lesione cutanea. Simile al laser CO2 ablativo, lascia intatta la cute circostante alla lesione trattata. Permette l’eliminazione definitiva di alcuni inestetismi che colpiscono le mani: macchie cutanee, fibromi, angiomi,rughe sottili. Il recupero completo si ha a 10-15 giorni dal trattamento.Il protocollo prevede una sola seduta.
  • TERAPIE COMBINATE: effettuare più terapie nella stessa seduta o in sedute diverse determina un effetto sinergico di amplificazione del risultato.

Il trattamento più indicato per ciascuna paziente dipende dalle caratteristiche dell’invecchiamento cutaneo, dalle esigenze della paziente e dall’esperienza del medico estetico. Ovviamente tessuti particolarmente danneggiati necessitano di sedute più numerose.

A cura del Dr. Simone Saretta
Medico Estetico
Clinica Cittàgiardino Padova

Condividi

Lascia il tuo commento