MORBO DI DUPUYTREN

dupuytren2Il morbo di Dupuytren è una malattia benigna del tessuto cutaneo e sottocutaneo con ispessimento, indurimento e retrazione di una fascia presente sotto la pelle del palmo della mano e dei suoi prolungamenti digitali che può provocare, nell’arco di mesi o anni, la progressiva flessione obbligata e permanente delle dita (in genere mignolo e/o anulare) limitando l’utilizzo della mano. Per tale motivo è consigliabile intervenire nelle fasi precoci. La sindrome di Dupuytren si manifesta di solito con un piccolo nodulo sottocutaneo, generalmente nella piega della mano più vicina all’anulare e al mignolo.

ESECUZIONE

  • Anestesia: loco-regionale (“anestesia plessica”, eseguibile mediante iniezione di anestetico nel cavo ascellare)
  • Durata: da 1 a 2 ore
  • Procedura:
    • incisioni del palmo della mano
    • asportazione più o meno estesa della fascia palmare retratta e delle corde fibrose che si prolungano verso le dita

PERIODO POST-OPERATORIO

Mantenimento di una fasciatura della mano e della sua posizione elevata per circa dieci giorni.

POSSIBILI COMPLICAZIONI

Perdita della sensibilità di un polpastrello

RISULTATI

Nei casi meno gravi l’intervento consente di ottenere la completa estensione delle dita, in quelli più gravi può permanere un certo grado di flessione obbligata.

Richiedi informazioni sul trattamento chirurgico del morbo di Dupuytren

Condividi